Vai al contenuto
Binge eating disorder

Binge eating disorder: quali sono le cause e come riprendere il controllo

Il binge eating disorder (BED) tradotto in italiano in disturbo da alimentazione incontrollata è un quadro clinico caratterizzato da ricorrenti episodi di abbuffate alimentari. Le persone affette da binge eating disorder mangiano grandi quantità di cibo in maniera vorace sperimentando una sensazione di perdita del controllo. Può colpire chiunque di qualsiasi età, sesso, etnia, o background.

Le persone con disturbo da alimentazione incontrollata hanno, quindi, frequenti episodi in cui mangiano grandi quantità di cibo in un breve periodo di tempo, le abbuffate.

A differenza delle persone con bulimia, di solito nel binge eating disorder, alle abbuffate non seguono condotte eliminatorie, come ad esempio il vomito autoindotto.

Ma vediamo ora nel dettaglio cos’è il binge eating, quali sono le sue cause e cosa si nasconde dietro le abbuffate?

 

Che cos’è il Binge eating 

Entriamo un po’ più nel dettaglio per capire cos’è il binge eating. Il binge eating disorder è un disturbo alimentare grave (ti consigliamo il nostro articolo per approfondire quali sono i disturbi alimentari più diffusi), pericoloso per la vita ma curabile, caratterizzato da:

  • Episodi ricorrenti di consumo di grandi quantità di cibo, spesso molto rapidamente e fino al punto di provare disagio, o sintomi fisici dovuti alla sazietà. Le abbuffate si caratterizzano per fame compulsiva e necessità di mangiare anche senza appetito, o quando già si è sazi, con voracità e velocità. Comporta mangiare da soli per l’imbarazzo e il disgusto. Lo stress emotivo spesso è ciò che scatena le abbuffate.
  • Una sensazione di perdita di controllo durante l’abbuffata e vergogna, angoscia, o senso di colpa dopo un’abbuffata. Sebbene l’abbuffata dia un momentaneo senso di liberazione e sollievo, dopo l’abbuffata prevalgono vissuti di colpa, fallimento, autosvalutazione e vergogna.
  • Assenza di condotte eliminatorie patologiche per contrastare le abbuffate.

Il binge eating disorder è uno dei più recenti disturbi alimentari formalmente riconosciuto per la prima volta  nel DSM-5 pubblicato nel 2013. Nonostante ciò, esso è il disturbo alimentare più comune negli Stati Uniti.

Nel dettaglio, i criteri per capire se si ha il binge eating e per porre la diagnosi sono i seguenti:

  • Mangiare molto più rapidamente del normale
  • Mangiare fino a che non ci si sazia
  • Mangiare grandi quantità senza avere fame
  • Mangiare da solo a causa di sentimenti di imbarazzo e vergogna
  • Sentimenti di colpa, o disgusto verso se stessi

È probabile che una persona che sperimenta questi sintomi possa soffrire di disturbo da alimentazione incontrollata.

 

Binge eating disorder cause

Le cause del binge eating disorder non sono completamente note. Come per altri disturbi alimentari, si ipotizza una base multifattoriale che si associa al suo sviluppo, ossia vari fattori di rischio tra cui genetici, ambientali, sociali e psicologici.

Come detto, sebbene le cause del binge eating disorder non sono ben comprese sono stati identificati una serie di fattori di rischio:

  • Neurotrasmettitori: le persone con binge eating disorder possono avere una maggiore sensibilità alla dopamina, una sostanza chimica nel cervello responsabile dei sentimenti di ricompensa e piacere. Tutto ciò può tradursi in una maggiore risposta al cibo e meno autocontrollo.
  • Famiglia: i familiari di primo grado di una persona affetta da binge eating disorder sono più a rischio di sviluppare anch’essi lo stesso disturbo alimentare.
  • Genere: il binge eating disorder è più comune nelle donne che negli uomini. Negli Stati Uniti, il 3,6% delle donne sperimenta il BED a un certo punto della propria vita, rispetto al 2,0% degli uomini. Ciò potrebbe essere dovuto a fattori biologici sottostanti.
  • Corporatura: i problemi di peso possono essere sia una causa che un risultato del disturbo. Quasi il 50% delle persone con binge eating disorder ha l’obesità e il 25-50% dei pazienti che cercano un intervento chirurgico per la perdita di peso soddisfa i criteri per binge eating disorder.
  • Immagine del corpo: le persone con binge eating disorder hanno spesso un’immagine corporea molto negativa. L’insoddisfazione corporea, la dieta e l’eccesso di cibo contribuiscono allo sviluppo del disturbo.
  • Trauma emotivo: gli eventi stressanti della vita come abusi, morte, separazione da un famigliare, un incidente d’auto sono fattori di rischio. Anche il bullismo infantile dovuto al peso può contribuire.
  • Altre condizioni psicologiche: quasi l’80% delle persone con binge eating disorder ha almeno un altro disturbo psicologico come fobie, depressione, disturbo da stress post-traumatico (PTSD), disturbo bipolare, ansia, o abuso di sostanze.

 

Cosa si nasconde dietro le abbuffate?

Le abbuffate sono molto dolorose, spesso coinvolgono una quantità di cibo molto maggiore di quella che qualcuno vorrebbe mangiare e innescano sentimenti di colpa e fallimento nelle persone. Le persone, come detto, perdono il controllo durante l’abbuffata e non riescono a fermarsi anche se lo desiderano. Alcune persone con disturbo da alimentazione incontrollata raccontano di sentirsi disconnesse da ciò che stanno facendo durante un’abbuffata, o spesso faticano a ricordare anche ciò che hanno mangiato.

Vediamo quindi cosa si nasconde dietro alle abbuffate e cosa scatena le abbuffate. Ci sono molte cose che possono far sentire a qualcuno il bisogno di abbuffarsi. Ciò potrebbe includere sentimenti difficili e opprimenti, ad esempio sentirsi giù, annoiati, arrabbiati, sconvolti, o ansiosi. A volte gli episodi di alimentazione incontrollata possono anche essere più abituali, o pianificati, piuttosto che guidati da un impulso improvviso e ciò può anche essere dovuto a una serie di motivi come l’intorpidimento delle emozioni, la gestione di sentimenti spiacevoli, o l’opportunità che si presenta se qualcuno è solo.

Ecco la descrizione di una persona affetta da binge eating disorder che meglio descrive lo stato d’animo che si nasconde dietro alle abbuffate.

È come se un interruttore fosse acceso nella tua mente e l’unica cosa che puoi fare è mangiare fino a quando non ce la fai più fisicamente. È terrificante perché è come se il vero te fosse ancora nella tua testa, ma non avesse potere su quello che stai facendo e tu fossi improvvisamente diventato qualcos’altro.

…La mia vita era dominata dal mangiare e dal cibo. Ho dovuto pianificare l’intera giornata in modo da poter controllare il mio mangiare. Ero infelice e diventavo più debole per non aver mangiato correttamente.

Non era qualcosa di cui potevo parlare, o condividere con gli amici, perché avevo paura che la gente pensasse che avessi solo mancanza di forza di volontà. La vergogna e il senso di colpa erano un circolo vizioso e hanno peggiorato la mia salute mentale e il valore che ho attribuito al mio corpo. La bassa autostima e fiducia in me stesso mi ha portato a isolarmi di più dalla famiglia e dagli amici. Non potrei mai spiegare quanto fosse doloroso abbuffarsi e come occupasse la mia mente tutto il tempo.

 

Cosa succede al corpo quando ci si abbuffa?

Il binge eating disorder è associato a numerosi rischi significativi per la salute fisica, emotiva e sociale. Più frequenti sono gli episodi di abbuffate, più grave diventa la malattia. Con l’aumento dell’abbuffata, gli individui possono iniziare a sperimentare sintomi fisici che hanno un impatto negativo sulla loro vita. Ma nello specifico cosa succede al corpo quando ci si abbuffa?

Fino al 50% delle persone con binge eating disorder ha l’obesità. Ciò è dovuto all’aumento dell’apporto calorico durante gli episodi di abbuffate. Ma con il binge eating quanto si ingrassa? Tipicamente dopo un’abbuffata si ha un immediato incremento ponderale di circa 1 kg. Gran parte di questo aumento, ottenuto dopo una sola abbuffata, è per lo più determinato da acqua e ritenzione idrica. Nel caso del binge eating, tuttavia, considerando la frequenza delle abbuffate vi è nell’arco del tempo un importante aumento di peso corporeo dovuto all’incremento della massa grassa.  Di per sé, l’obesità aumenta il rischio di malattie cardiache, ictus, diabete di tipo 2 e cancro. Inoltre, alcuni studi hanno scoperto che le persone con binge eating disorder hanno un rischio ancora maggiore di sviluppare questi problemi di salute, rispetto alle persone con obesità dello stesso peso che non hanno binge eating disorder.

Altri rischi per la salute includono problemi di sonno, condizioni di dolore cronico, asma e sindrome dell’intestino irritabile.

Nelle donne, la condizione è associata a un rischio di problemi di fertilità, complicazioni della gravidanza e sviluppo della sindrome dell’ovaio policistico.

Il binge eating causa, inoltre, carenze nutrizionali dovute al regime alimentare del tutto incontrollato che possono causare secchezza della pelle, caduta dei capelli, osteoporosi, e deficit vitaminici.

Dopo un episodio di abbuffata, le persone possono avere diversi sintomi gastrointestinali. Possono manifestare gonfiore, dolore addominale e nausea. Mangiare grandi quantità di cibo in un breve periodo di tempo può causare reflusso acido, crampi, bruciore di stomaco e diarrea. Il consumo ripetuto di grandi quantità di cibo può causare effetti a lungo termine, tra cui la dilatazione gastrica e perforazione gastrica.

 

Come smettere di fare abbuffate?

Il primo passo per uscire dal binge eating e smettere di fare abbuffate è parlare con un medico. Il primo professionista con cui interfacciarsi può essere il medico di famiglia che può fare una prima valutazione del quadro di salute generale per poi eventualmente indirizzare a uno specialista.

Il piano di trattamento per uscire dal binge eating dipende dalle cause e dalla gravità del disturbo alimentare, nonché dagli obiettivi individuali.

Il trattamento prende in considerazione le abbuffate compulsive, eccesso di peso, immagine corporea, problemi di salute mentale, o una combinazione di questi.

Le opzioni terapeutiche per guarire dal binge eating includono la terapia cognitivo comportamentale, la psicoterapia interpersonale, la terapia dialettica comportamentale, la terapia dimagrante e i farmaci. Questi possono essere effettuati su base individuale, in un ambiente di gruppo, o in un formato di auto-aiuto.

In alcune persone potrebbe essere necessario un solo tipo di terapia, mentre altre potrebbero aver bisogno di provare diverse combinazioni fino a trovare la giusta misura.

Indipendentemente dalla strategia di trattamento utilizzata, è importante anche fare scelte dietetiche e di stile di vita sane, quando possibile. Ecco alcune strategie potenzialmente utili per uscire dal binge eating:

  • Tieni un diario del cibo e dell’umore: identificare i fattori scatenanti personali è un passo importante per imparare a controllare gli impulsi di abbuffata.
  • Pratica la consapevolezza: aumentare la consapevolezza dei fattori scatenanti dell’abbuffata aiuta ad aumentare l’autocontrollo e a mantenere l’accettazione di sé.
  • Trova qualcuno con cui parlare: è importante avere supporto, sia attraverso un partner, una famiglia, un amico, gruppi di supporto per abbuffate, o online.
  • Scegli cibi sani: una dieta composta da cibi ricchi di proteine ​​e grassi sani, pasti regolari e cibi integrali aiuterà a soddisfare la fame e fornire i nutrienti necessari. Limita la presenza in casa di cibo spazzatura.
  • Inizia ad allenarti: l’esercizio fisico può aiutare a migliorare la perdita di peso, migliorare l’immagine corporea, ridurre i sintomi di ansia e migliorare l’umore (35 Fonte attendibile, 36).
  • Dormire a sufficienza: la mancanza di sonno è associata a un maggiore apporto calorico e abitudini alimentari irregolari. Si consiglia di dormire almeno 7-8 ore a notte.
  • Cosa mangiare dopo un’abbuffata: riorganizza i pasti giornalieri, programmando colazione, pranzo, cena e spuntini, cercando di riprendere la regolare alimentazione. Bevi almeno 1,5 L di acqua al giorno, non solo aiuta a digerire meglio il cibo, ma rende le feci più morbide e facilmente eliminabili. Fai spuntini ricchi in proteine, le proteine sono più sazianti dei carboidrati e aiutano a non cedere alla tentazione di snack dolci.

 

Speriamo con questo articolo di aver risposto a qualche dubbio e domanda sul binge eating disorder.

Non esitare a contattarci per eventuali dubbi, o per prenotare una visita con uno psicologo, psicoterapeuta, o psichiatra a Milano per capire se soffri di binge eating. Puoi anche effettuare un’autovalutazione con i test per i disturbi alimentari online prima di prendere un appuntamento per la cura.

Il nostro voto

Contents

CONTATTACI